ZAKARIN VOLA, NIBALI RESISTE,DOMANI TAPPONE ALPINO

Ottava vittoria in carriera, la seconda sulle strade del Giro d’Italia dopo quella ottenuta nel 2015 a Imola. Ilnur Zakarin ritrova smalto nella 13esima tappa della 102esima corsa Rcs, la Pinerolo-Ceresole Reale (Lago Serru’) di 196 chilometri con il primo arrivo in quota sopra i duemila metri. Il 29enne russo della Katusha-Alpecin entra nella fuga di giornata e poi se ne va sulla salita finale, vincendo anche il testa a testa con lo spagnolo Mikel Nieve, secondo con un ritardo di 35″. Terzo un altro scalatore iberico, Mikel Landa (Movistar), che tenta senza fortuna una ‘remuntada’ sul suo terreno preferito per poi planare a 1’20” da Zakarin. Che ha il merito di rilanciarsi anche nella generale, visto che ora e’ terzo a 2’56” dallo sloveno Jan Polanc (Uae Emirates), che conserva la maglia rosa di leader, e a 21″ dall’altro sloveno Primoz Roglic (Jumbo-Visma), secondo a 2’25” dal suo connazionale. L’ex maglia rosa (Valerio Conti e’ invece sprofondato) approccia con intelligenza la corsa e non lascia quasi mai la marcatura di Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida).

Foto Sirotti per ciclismooggi

Commenta per primo l'articolo ZAKARIN VOLA, NIBALI RESISTE,DOMANI TAPPONE ALPINO

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.