Una domenica da Squali

Di Alberto Dolfin

Duemilasettecento cicloamatori hanno sfidato le previsioni meteo avverse e sono stati premiati da un percorso ricco di saliscendi e scorci da cartolina tra Romagna e Marche, con la pioggia che è arrivata solo verso l’ora di pranzo e ha colpito solamente gli ultimi km di coloro che hanno scelto il percorso più lungo che passava anche da Urbino.

Alla partenza da Cattolica, proprio di fronte al celeberrimo acquario, qualche timido raggio di sole ha persino irradiato i partecipanti della Granfondo Squali, giunta alla sua quinta edizione. A fare l’in bocca al lupo ai pedalatori c’era anche il beniamino di casa Niccolò Antonelli, reduce dal successo della settimana precedente. Il via alle 8 in punto e subito ritmo indiavolato verso Gradara. Dopo aver lasciato alle spalle Santa Maria Pietrafitta, la biforcazione dei percorsi: 85 km e quasi 1400 metri di dislivello per chi sceglieva il corto, 135 km e oltre 2000 di dislivello per chi optava per il lungo.

Entrambe le strade si sono poi rincrociate a Tavullia, per una visita a casa del Dottore. Un ristoro targato 46, infatti, ha atteso i partecipanti nel comune marchigiano che ha dato i natali a Valentino Rossi e subito dopo la sosta, guardando verso destra era possibile scorgere il suo ranch in cui si diletta a sfidare gli amici. A bordo della mia Trek Emonda, testata proprio in occasione di questo weekend sulla Riviera Adriatica, non restava che l’ultima fatica, ovvero affrontare la bellissima strada panoramica sul mare, costellata di strappetti, che portava verso Gabicce Monte. In compagnia dei colleghi Massimiliano Muraro, piemontese come me, e Umberto Toscanelli, valdostano trapiantato in Romagna che ci ha fatto da sherpa per tutto il percorso, abbiamo tagliato il traguardo dopo 85 km di fatica, sudore, ma soprattutto di risate e emozioni. All’arrivo, con al collo la medaglia di Finisher, qualche trancio di piadina con la mortadella era il modo di migliore per recuperare le energie. L’appuntamento è già fissato per il 17 maggio 2020, pronti ad una nuova domenica da Squali.

Commenta per primo l'articolo Una domenica da Squali

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.