Tour 2018: tappe da 5 a 8

dig

5^TAPPA – LORIENT – QUIMPER – mercoledì 11 Luglio – 204,5 km
Da Lorient a Quimper, la quinta tappa presenta un profilo che ricorda più una classica delle Ardenne che una tappa di un grande giro. Sette côte, cinque delle quali segnate come GPM (due di quarta e tre di terza categoria), poca pianura e continui saliscendi adattissimi ai corridori che amano le corse della stagione primaverile. Nessuna difficoltà nelle prime due ascese, la Côte de Kaliforn e la Côte de Trimen, entrambe molto brevi e senza pendenze arcigne. Leggermente più impegnative le due successive, la Côte De La Roche De Feu e la Cote de La Mendez Quelerec’h, in cui la pendenza media viaggia intorno al 6%. Ultimo Gran Premio Della Montagna rappresentato dalla Côte de La Montagne de Locrornan, al quale seguiranno chilometri vallonati, che precedono l’arrivo, posto anch’esso in leggera salita.

6^TAPPA – BREST – MÛR DE BRETAGNE GUERLÉDAN – giovedì 12 Luglio – 181 km
Sarà il Mûr de Bretagne il primo arrivo in salita di questa edizione del Tour de France. L’ascesa – da affrontare due volte negli ultimi chilometri, presenta una pendenza media del 6,5%, divisi lungo i due chilometri di salita – è adattissima a corridori da classiche di primavera, ma anche a ruote discretamente veloci in grado di tenere su strappetti di media difficoltà. Prima di arrivarci, però, i corridori dovranno affrontare altri due GPM: la Côte de Ploudiry e la Côte de Roch Trevezel, rispettivamente di terza e quarta categoria. Lo sprint intermedio di Plouguernevel sarà utile ad assegnare punti per la classifica della maglia verde. Terzo arrivo per il Tour in questa cittadina, dopo le vittorie di Cadel Evans nel 2011 ed Alexis Vuillermoz nel 2015, in una tappa che vide il nostro Vincenzo Nibali andare in difficoltà.

7^TAPPA – FOUGÈRES – CHARTRES – Venerdì 13 luglio – 231 km
Tornano in scena le ruote veloci, per una settima tappa che presenta il profilo perfetto per la volata del gruppo a ranghi compatti. Uniche note di interesse durante il percorso sono il GPM de la Côte du Buisson de Perseigne (quarta categoria) ed il traguardo volante di Berd’huis

8tAPPA – DREUX – AMIENS MÉTROPOLE – Sabato 14 Luglio – 181 km

  1. Volata di gruppo quasi scontata anche in una delle tappe più sentite dai francesi, quella della festa nazionale del 14 Luglio, anniversario della Presa della Bastiglia. Uniche asperità (se così si possono chiamare), due GPM di quarta categoria: la Côte de Pacy-Sur-Eure, lungo 2 chilometri, con pendenza media al 4,3%, e la Côte de Feuquerroles, 2300 metri anch’essi al 4,3%.

R D

Commenta per primo l'articolo Tour 2018: tappe da 5 a 8

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.