Svelato il Giro Under

Il più grande parco del settore agroalimentare in Europa, FICO – Fabbrica Italiana Contadina di Bologna, ha ospitato oggi la presentazione ufficiale del Giro d’Italia Under 23 2019, un altro evento che rappresenta un’eccellenza del nostro Paese, un evento unico che garantisce il futuro al nostro ciclismo. I migliori giovani talenti del ciclismo italiano e mondiale si daranno appuntamento al Giro dei giovani dal 13 al 23 di giugno.

In programma 10 tappe: sarà un Giro molto impegnativo, un prologo e nove tappe con in mezzo un giorno di riposo. Quattro gli arrivi in salita previsti. Il percorso tocca 5 Regioni (una in più del 2018). Al via 29 squadre, tra cui 13 team stranieri da 10 Paesi.

Prologo | giovedì 13 giugno | Riccione – Riccione – km 3,6

Apertura con un cronoprologo individuale a Riccione, partenza da Piazzale Roma, si percorre il lungomare e si torna verso l’arrivo di Viale Ceccarini.

1/a tappa | venerdì 14 giugno | Riccione (RN) – Santa Sofia (FC) – km 143,2

Prima tappa in linea interamente romagnola, con partenza da Riccione. Tappa in gran parte pianeggiante (700 metri di dislivello totali), a 10 km dal traguardo si sale ai 439m slm del Passo delle Forche, poi si scende prima dell’arrivo a Santa Sofia.

2/a tappa | sabato 15 giugno | Bagno di Romagna (FC) – Pescia (PT) – km 174

La seconda tappa parte da Bagno di Romagna ma si svolge quasi interamente in Toscana, con i circa 1.400 metri di dislivello distribuiti nella prima metà della frazione: si sale subito a Passo Mandrioli (1.173m), poi Valico di Croce a Mori (954m); a 65 km dall’arrivo Croci di Calenzano (427m), poi l’arrivo a Pescia.

3/a tappa | domenica 16 giugno | Sesto Fiorentino (FI) – Gaiole in Chianti (SI) – km 145,5

Frazione impegnativa che si svolge interamente in Toscana. Partenza da Sesto Fiorentino, omaggio al grande CT Alfredo Martini, percorso mosso fino agli ultimi 50 km, che presentano 8 settori di strade bianche, l’ultimo a -10 km da Gaiole in Chianti: un omaggio all’Eroica e al suo ideatore Giancarlo Brocci.

4/a tappa | lunedì 17 giugno | Buonconvento (SI) – Monte Amitata (SI) – km 163,7

Il primo vero appuntamento ad alta quota, con arrivo in salita. Un altro omaggio al ciclismo “eroico” con la partenza da Buonconvento, il passaggio da Montalcino e un tratto di strada bianca a inizio tappa. Frazione nervosa che raggiunge addirittura i 3.500 metri di dislivello con la scalata finale al Monte Amiata (1.653m di altitudine).

martedì 18 giugno | giorno di riposo

5/a tappa | mercoledì 19 giugno | Sorbolo Mezzani (PR) – Passo Maniva (BS) – km 155,2

Si torna in Emilia-Romagna con la partenza da Sorbolo. la prima parte è completamente pianeggiante, poi in Lombardia la strada sale dolcemente fino all’imbocco del Passo Maniva (1.744), per la riproposizione di un arrivo in salita che ha regalato spettacolo al Giro U23 del 2018.

6/a tappa | giovedì 20 giugno | Aprica (SO) – Aprica (SO) – km 94,8

Tappa corta (meno di 100 km) ma durissima, molto attesa per il “Doppio Mortirolo”. Una salita che non ha bisogno di presentazioni nel ciclismo e che sarà affrontata, nella stessa tappa, da due versanti. Partenza da Aprica, si scende fino a Edolo e si torna a salire verso Monno per affrontare la prima scalata del Mortirolo (1.854m); discesa verso Mazzo di Valtellina ed è subito salita verso il secondo “Mortirolo”.

7/a tappa | venerdì 21 giugno | Dimaro Folgarida (TN) – Levico Terme (TN) – km 119,9

Altra tappa nervosa, da Dimaro a Levico Terme, in Trentino. Sulla carta le tappe destinate a rivoluzionare la classifica sono altre, ma proprio su queste strade la fuga di quattro corridori ha rischiato di far saltare il banco al Giro d’Italia Giovani Under 23 del 2018.

8/a tappa | sabato 22 giugno | Rosà (VI) – Falcade (BL) – km 134,2

Si entra in Veneto per gli atti conclusivi del Giro. La tappa parte da Rosà e si accende dopo la metà, quando si sale verso Passo Cereda (1.361m); poi Forcella Aurine (1.297m) e discesa, per tornare a salire verso il traguardo di Falcade (1.155m).

9/a tappa | domenica 23 giugno | Agordo (BL) – Passo Fedaia (BL) – km 35,8

Tappa in linea di 35 km, senza discesa, tra Agordo e la cima del Passo Fedaia (2.057m), la “vetta” di questo Giro d’Italia Giovani Under 23. Un finale impegnativo, con gli uomini di classifica che dovranno tentare il tutto per tutto per conquistare la corsa a tappe più impegnativa e ambita al mondo.

Commenta per primo l'articolo Svelato il Giro Under

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.