Finale spettacolo nella tappa per Scarponi

I SALI E SCENDI DELLA MEMORIA
Tappa marchigiana caratterizzata dai classifici muri di questo territorio, uno su tutti si è fatto sentire nelle gambe, nella mente e nel cuore dei corridori: quello di Filottrano, la città del grande Michele Scarponi.
Questa è stata anche la tappa dell’amore per il ciclismo di Gino Bartali e della “Lega del Filo d’oro” che vede proprio ad Osimo la storica sede da oltre 50 anni.

LA FUGA
Una tappa che secondo molti poteva essere lasciata alla fuga e così anche oggi Savio ed Ellena dell’Androni hanno mandato avanti qualcuno dei loro, Fausto Masnada che è rimasto davanti con Sanchez (Astana)e De Marchi (BMC), con loro ci sono stati per un bel Po di chilometri Turrin e Maestri che sono stati ripresi dal gruppo quando mancavano meno di 20km.
Un gruppo dietro che ha controllato la fuga ma non senza difficoltà visti i continui saliscendi di giornata con alcuni tratti veramente difficili, un gruppo che è via via andato perdendo pezzi fino a rimanere composto da una quarantina di elementi prima di entrare nel centro storico di Osimo con i suoi muri con tratti fino al 16%di pendenza.

IL FINALE
Masnada si arrende ai meno 5 appena fuori dalle mura di Osimo e poco dopo anche gli ultimi due uomini della fuga, Stybar sullo strappo di Via del Borgo sul pavé e Wellens si butta su alla sua ruota, Yates mette davanti un suo compagno di squadra cercando di neutralizzare i circa 10″ secondi che l’accoppiata da classiche ha preso sul gruppo, ai meno 1500 Yates si lancia ha da solo e su riporta sui battistrada, subito è Pozzovivo ad andare a chiudere ma non riesce dunque è Dumoulin a provare a riportarsi sulla maglia Rosa che punta ovviamente alla vittoria anche per gli abbuoni.
Negli ultimi 500m Yates controlla Dumoulin da solo a inseguire poi Formolo, questi i primi tre a pochi secondi si distacco tra loro poi Genienz a 8″ con Pozzovivo e Pinot, Aru e Carapaz a 22″, Lopez a 30″, Froome a 40″.
Tom Dumoulin insegue 47″, Pinot 1’04″, Pozzovivo  1’18” Carapaz 1’56”, Aru a 3’10″, Froome a 3’20″.
Seguirà aggiornamento classifica generale.

Emanuele Barra
Foto Muzzi

Commenta per primo l'articolo Finale spettacolo nella tappa per Scarponi

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.